Erasmus: detrazione del 19% sull’affitto per tutti gli studenti

Erasmus-detrazioniNella circolare 7/E/2021 sono contenute importanti novità per quanto riguarda gli studenti che partecipano ad un progetto Erasmus o che trascorrono semestri all’estero perchè impegnati in programmi di doppia laurea italiana/estera. In tutti questi casi, si ha diritto ad una detrazione del 19% sui canoni di locazione dell’alloggio nel Paese estero. Con la circolare si è chiarito, in sostanza, che anche gli studenti che in Italia non risultano fuori sede possono detrarre le spese sostenute per l’alloggio fintanto che si trovano fuori dall’Italia. E’ tuttavia necessario rispettare alcuni requisiti.

Studenti italiani: considerati fuori sede per tutta la durata dell’Erasmus

La novità sta nel fatto che gli studenti italiani che partecipano all’Erasmus sono considerati fuori sede per tutta la durata del progetto e in quanto tali hanno diritto alla detrazione pari al 19% sulle spese sostenute per l’affitto dell’alloggio all’estero.

Requisiti per usufruire della detrazione

Per avere diritto alla detrazione delle spese, è necessario che i pagamenti siano tracciati e che la documentazione relativa a quanto sostenuto sia tradotta in italiano. Per alcune lingue (inglese, francese, spagnolo e tedesco) è sufficiente una traduzione fai da te, che possono effettuare direttamente gli studenti. Per tutte le altre lingue invece è necessaria una traduzione giurata. Sono inoltre previsti limiti di reddito, sopra i quali non si ha diritto alla detrazione.

Limiti di reddito ed importi detraibili

I limiti di reddito previsti sono i medesimi applicati agli studenti fuori sede in Italia. La detrazione spetta dunque per intero a coloro che sostengono le spese e hanno un reddito complessivo fino a 120.000 euro. Al superamento di tale limite, la detrazione decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a 240.000 euro.

E’ importante precisare inoltre che la spesa massima detraibile per i canoni di locazione sostenuti in ciascun periodo d’imposta pari a 2.633 euro.

Spese per le quali non si ha diritto alla detrazione

La detrazione NON è prevista per le seguenti tipologie di spese:

  • Deposito cauzionale;
  • Spese condominiali;
  • Spese di riscaldamento comprese nel canone di locazione;
  • Costi di intermediazione.

In caso di contratto di locazione cointestato…

Qualora il contratto di locazione all’estero fosse cointestato a più soggetti, il canone viene attribuito pro quota a ciascun intestatario (a prescindere dalla presenza o meno dei requisiti per la detrazione da parte di tutti i conduttori).